Se la coppia che scoppia…. a chi viene affidato l’animale da compagnia?

In Spagna una legge chiarisce che il Giudice, in caso di separazione/divorzio, deve prendere in considerazione l’affido condiviso dell’animale familiare non essendo una semplice cosa, ma un essere senziente.

Addirittura per legge è possibile stipulare un patto coniugale mediante il quale i coniugi possono disciplinare la gestione condivisa dell’animale.

Ancora in base alla normativa spagnola viene prevista l’esclusione  dell’affido condiviso dei figli anche nell’ipotesi in cui uno dei due coniugi abbia esercitato attività di maltrattamento nei confronti di animali o che abbia minacciato di compierli.

E in Italia?

Attualmente gli ex innamorati possono accordarsi sulla collocazione dell’animale domestico ma questo è possibile solo se c’è la buona volontà di mettersi d’accordo: spesso la realtà è ben diversa, dovendo quindi ricorrere per vie legali al fine contendersi l’amato animale.

Diverse sono le decisioni dei Giudici su casi di questo tipo che dispongono sull’affido, esclusivo o condiviso, del quattrozampe.

Famosa è la decisione presa da un Giudice del Tribunale civile di Milano, sul controllo di un accordo di separazione, con il quale si è confermata la correttezza sull’affido e gestione dei gatti di famiglia: i felini sono stati affidati all’ex moglie, con l’obbligo di mantenimento e cura degli stessi, garantendo in tal modo la continua convivenza con la figlia minore presente in casa, senza spezzare il legame sentimentale con gli animali e, contestualmente, prevedendo il diritto dell’ex marito alla visita degli amati gatti con il dovere di concorrere alle spese straordinarie (per esempio intervento del veterinario).

Gli animali non sono cose ma esseri senzienti e in alcun modo devono essere utilizzati come arma di ripicca se la coppia scoppia!

A cura di 

Claudia Taccani 

Avv. e Responsabile Sportello Legale OIPA Italia Odv

(Visited 24 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *