L’instaurarsi della fiducia

EQUITAZIONE ETOLOGICA

Avvicinarsi all’equitazione è una scelta importante. L’equitazione si distingue da qualsiasi altro sport perché possiede uno straordinario valore che la rende assolutamente unica: il Cavallo, protagonista indiscusso.

Nel meraviglioso percorso che intraprende chi sceglie di avvicinarsi ai cavalli e all’equitazione, l’istruttore ha un ruolo e una responsabilità importantissimi. Il maestro, in qualsiasi aspetto della vita, deve essere sempre un esempio impeccabile a cui riferirsi.

La maggior parte degli istruttori e degli addestratori di oggi sono ben consapevoli che la progressione in equitazione si basa sull’equilibrio mentale e fisico di cavalieri e cavalli. Sono cambiati i tempi e anche la concezione del nostro sport ha avuto una forte evoluzione fondata sulla consapevolezza dell’importanza della comunicazione profonda. Anche se le radici dell’equitazione affondano nella disciplina militare delle scuole di cavalleria i metodi dell’epoca non sono più adatti al sistema di apprendimento del cavallo di cui oggi abbiamo maggiore conoscenza e consapevolezza grazie agli studi della moderna etologia. 

In tutto il mondo equestre si è ormai ben compreso che il punto di partenza di una buona equitazione sono la comunicazione con il cavallo e l’instaurarsi della fiducia.

L’istruttore, che si tratti di avvicinarsi ai cavalli da terra e godere della loro compagnia oppure di imparare a montare a cavallo, deve essere uomo di cavalli sapiente, paziente, rispettoso. Prima di qualsiasi tecnica deve insegnare a conoscere i cavalli, a capirli, amarli e rispettarli; deve fare emergere nell’allievo quella sensibilità necessaria all’approccio con i cavalli; deve insegnare a ‘sentire’ prima di ‘agire’, ad ‘ascoltare’ prima di ‘essere ascoltati’. Questo è il cammino da seguire, qualsiasi sia la direzione che si vorrà prendere. 

Tutto questo non è possibile però senza gioia e buon umore che sono il miglior rimedio contro la paura e l’inquietudine. E’ molto importante quindi anche il lavoro che dobbiamo fare su noi stessi. 

è importante avere un atteggiamento libero da rigidità dovute alla paura, alla pretesa, al volersi imporre… Lasciamo andare le negatività e cerchiamo di essere noi stessi e di stare all’ascolto del cavallo. Se le emozioni, la paura o la collera dominano, la comunicazione con il cavallo non si stabilisce più, qualsiasi nostra azione e comportamento non possono essere compresi dal cavallo e invece della fiducia si instaura una distanza incolmabile.

Solo liberandoci da tensioni o preconcetti e mettendosi all’ascolto è possibile entrare in comunicazione con i cavalli. Questa è la condizione necessaria, è il punto di partenza affinché cavaliere e cavallo possano realmente essere all’unisono e iniziare un meraviglioso percorso di vita insieme.

Susanna Cottica

Cavalli & Cavalieri

(Visited 11 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *