Quattro sindaci del Casalasco amici degli animali. Da Casalmaggiore il video pro adozioni

di Stefania Piazzo – Un altro Comune virtuoso entra nel novero delle amministrazioni pubbliche amiche degli animali. E’ Casalmaggiore, all’estremo est della lunga provincia di Cremona. Il Comune ha deciso, attraverso l’Ufficio sovracomunale diritti degli animali, di lanciare una massiccia campagna per l’adozione. Il progetto infatti riguarda oltre Casalmaggiore, anche i Comuni di Martignana di Po, Gussola e Rivarolo del Re. Quindi, a conti fatti, i sindaci pet friendly sono quattro. Tutti in un colpo solo!

Su La Provincia di Cremona leggiamo: «Non voglio anticipare nulla — spiega il consigliere delegato Pierfrancesco Ruberti, affiancato nella conduzione dell’Ufficio dai dipendenti comunali Franca Filipazzi e Aldo Boldrini —, ma posso dire che si tratterà di un cortometraggio con aspetti che speriamo possano essere efficaci e colpire nel segno».

La realizzazione dell’opera è stata affidata alla «Goi Art» di Marco Goi, di Sabbioneta. Comune mantovano vicino a Casalmaggiore.

Ovviamente la diffusione del cortometraggio avverrà anche attraverso i principali canali social, ma è significativo che sul territorio siano crescendo momenti di cultura del rispetto, contro gli abbandoni. E, soprattutto, che nell’approccio del messaggio, come già avvenuto nella campagna di Fnovi l’estate scorsa, ci si metta “nelle sue zampe”, ovvero proponendo un messaggio che faccia parlare l’animale, per raccontare il suo stato d’animo. Infatti è Ruberti stesso a confermarlo alla stampa: “Il tema conduttore sarà quello di come si possa sentire un animale che viene abbandonato”.

L’invito, chiaro e diretto è: adottate, non acquistate cuccioli proprio sotto Natale.

Una adozione consapevole è fondamentale.

E’ lo stesso Ufficio per la tutela degli animali infatti a raccontare ancora alla Provincia che “Spesso si rivolgono all’Ufficio persone che non riescono più a mantenere i loro animali. Oppure ci sono i casi di persone anziane che si ammalano e non riescono più ad accudire cani e gatti”. Il punto di raccolta e di riferimento, viene ricordato, in base alla convenzione stipulata, è il parco rifugio «La cuccia e il nido» di Calvatone.

Zampylife seguirà passo passo il coraggioso percorso di civiltà che parte da questi quattro Comuni della bassa cremonese. Più che le parole e le promesse, come sempre, contano i fatti.

Foto Riccardo Bruzio

(Visited 5 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *