Sant’Antonio Abate, preparativi per la benedizione degli animali domenica 15 gennaio

Per Sant’Antonio Abate torna la tradizione della benedizione degli animali. A macchia di leopardo, Comuni e comunità religiose ne danno notizia. Domenica 15 gennaio saranno in ogni caso numerosi i centri dove sarà festa per i nostri amici quattrozampe. Si inizia nel varesotto, ad Arcisate, nella frazione di Brenno Useria. L’appuntamento è per domenica con diversi eventi organizzati dalla Comunità pastorale Madonna d’Useria e dall’oratorio di Arcisate Brenno.

Nel pomeriggio, alle 15 la benedizione degli animali e alle 15,45 il falò nel cortile dell’Oratorio, con the, vin brulè e l’accompagnamento musicale della banda di Brenno.

Durante la giornata saranno in vendita i biscotti di Sant’Antonio. Tutto il ricavato della festa di Sant’Antonio Abate verrà devoluto alla parrocchia di Santa Maria Immacolata per sostenere l’acquisto della nuova caldaia.

Festa anche a San Miniato, nel pisano, organizzata dalla Fondazione San Miniato Promozione e dal Comune di San Miniato. L’appuntamento è per domenica 15 gennaio alle 10. In piazza Dante Alighieri, chi vorrà potrà portare il proprio animale d’affezione, qualunque esso sia.

Una giuria di bambini sceglierà i tre animali più simpatici, che riceveranno un premio e a seguire sarà offerta una merenda. La benedizione degli animali è una tradizione consolidata che si ripete in occasione delle celebrazioni per sant’Antonio Abate, protettore degli allevatori, degli animali e del bestiame in genere, in particolare di maiali e cavalli.

Altro evento con cento cavalli, poi cani, gatti, conigli e altri piccoli amici a quattro zampe per la 42° “Benedizione degli animali”, ancora domenica 15 gennaio, alla Pieve di San Giovanni e Santa Felicita di Valdicastello Carducci. Una festa molto sentita dalla comunità di Pietrasanta, promossa con il patrocinio del Comune e organizzato da Luciano Borzonasca.

“Sono ormai tantissime – ha sottolineato il sindaco, Alberto Stefano Giovannetti a verdeaazzurronotizie.it – le famiglie che hanno accolto in casa uno o più animali. Non solo diventati, a tutti gli effetti, parte della comunità ma soprattutto capaci di rendere la nostra vita migliore, grazie all’affetto così puro e sincero che ci offrono ogni giorno. Con l’appuntamento alla Pieve vogliamo celebrare proprio questo, ringraziando i nostri piccoli compagni di viaggio”. “Rendiamo omaggio a una tradizione antica, per la nostra comunità – ha proseguito l’assessore alle tradizioni popolari, Andrea Cosci – ma anche al rispetto che noi tutti dobbiamo agli animali: un’occasione per ricordare che il loro abbandono, in tutte le sue accezioni, è un reato ed è punito dal Codice Penale, oltre che essere un comportamento barbaro e insensato”.

La giornata della 42° edizione inizierà alle 10,15 da piazza Matteotti, con una sfilata di cavalli che percorrerà le vie del centro storico fino alla Pieve di Valdicastello: qui, alle 11, il parroco accoglierà i fedeli e gli animali per celebrare la santa messa e benedire tutti gli amici a quattro zampe intervenuti.

(Visited 7 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *