Lo studio. Essere altruisti verso gli animali ha fatto evolvere l’uomo. Indizio sono i bambini. The Guardian svela come

di Stefania Piazzo – “Il modo in cui i bambini interagiscono con i cani aiuta a spiegare come gli umani sono arrivati ​​​​ad addomesticare gli animali”. L’autorevole The Guardian ha divulgato uno studio importante che spiegherebbe il forte legame tra noi e altre specie.

Secondo la ricerca, infatti, “I bambini di appena due anni hanno fatto di tutto per aiutare i cani a ottenere giocattoli e prelibatezze che sono state poste fuori dalla loro portata, nonostante non avessero mai incontrato gli animali prima, hanno scoperto gli scienziati”.

In altre parole, già istintivamente i bambini piccoli colgono i desideri dei cani, li aiutano, a prescindere dalla risposta data loro in cambio dai cani.

“È davvero speciale vedere quanto presto inizia”, ​​ha affermato la dott.ssa Rachna Reddy, antropologa evoluzionista e prima autrice dello studio, che ricopre incarichi sia alla Harvard University che alla Duke University, interpellato dal quotidiano.

“Fin dall’inizio del nostro sviluppo – spiega – abbiamo la tendenza a comportarci in modo prosociale nei confronti delle altre persone, per cercare di capire cosa sta succedendo nelle loro menti”, ha detto. L’ultimo studio mostra che anche i più piccoli “hanno la motivazione e la capacità di estendere questo tipo di comportamento di aiuto ad altri animali”, ha aggiunto.

In altre parole, anche gli atti altruistici, come lasciare cibo per gli animali, potrebbero aver sostenuto pratiche che hanno portato all’addomesticamento di tante specie.

Lo studio ha osservato il comportamento di 97 bambini tra i 20 ei 47 mesi. E’ stata osservata la loro interazione con tre cani.

“Scrivendo sulla rivista Human-Animal Interactions , gli scienziati descrivono come i bambini piccoli avevano il doppio delle probabilità di consegnare giocattoli e dolcetti irraggiungibili quando i cani mostravano interesse per loro, ad esempio piagnucolando o scalpitando dietro gli oggetti . I bambini hanno aiutato nella metà dei casi in cui i cani volevano gli oggetti, ma solo in un quarto dei casi in cui gli animali non mostravano alcun interesse.

I bambini erano ancora più propensi ad aiutare quando avevano un cane a casa, quando l’animale era più vivace e quando il premio in palio era un dolcetto piuttosto che un giocattolo, riferiscono i ricercatori”, come si legge.

E gli scienziati spiegano infatti che è noto da molto tempo che i bambini piccoli faranno di tutto per aiutare gli esseri umani in difficoltà, anche gli estranei”, ha affermato il prof. Henry Wellman, autore senior dello studio presso l’Università del Michigan. Ma non era chiaro se gli esseri umani sviluppassero tale altruismo solo verso altre persone, che avrebbero potuto aiutare, e non verso altre specie. Lo studio mostra che “si applica anche ad altri animali”, ha detto Wellman, “come i cani che non rivedranno mai più”.

“I bambini molto piccoli fanno di tutto per aiutare i cani, in particolare i piccoli cani a misura di bambino che stanno lottando per accedere a dolcetti e giocattoli per cani fuori portata. Questo vale sia per i bambini con cani da compagnia a casa che per quelli senza”, ha aggiunto Wellman. “Possono leggere gli obiettivi dei cani e distribuire quella conoscenza per aiutarli”.

The Guardian offre alla comunità scientifica e agli educatori spunti utilissimi per studiare le interazioni, per sviluppare le doti cognitive dei più piccoli e per allargare lo spettro della relazione nei momenti educativi sin dai primi anni d’età.

Per la pedagogia umana è una frontiera nuova tutta da percorrere.

(Visited 21 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *