E’ la gattina Andrea la mascotte dei carabinieri che hanno arrestato il latitante Messina Denaro

E’ arrivata alla vigilia della più importante operazione antimafia degli ultimi anni, l’arresto del latitante Matteo Messina Denaro. Lei si chiama Andrea ed è una gattina che ha fatto visita al luogo dove ha sede la centrale operativa dei carabinieri che hanno svolto le indagini e che hanno effettuato il blitz.

Lo raccontano proprio gli investigatori al quotidiano La Repubblica. I carabinieri del cosiddetto Crimor, la squadra del Ros, Reparto operativo speciale dell’Arma, racconta che lei «È arrivata all’improvviso la sera prima del blitz, mentre la tensione era alle stelle. Si è messa a girare sulle scrivanie, poi si è addormentata sul divano. Come quando abbiamo portato Messina Denaro in questa stanza: nonostante tutto il trambusto, la micetta non si è mossa».

Andrea, così è stata chiamata, è arrivata proprio nel momento in cui sono stati raccolti i frutti di lunghi anni di lavoro, ad alleggerire con la sua silenziosa presenza, la tensione delle operazioni. Una presenza “terapeutica”, gentile, mentre da quelle stanze si combattono i mostri.

La piccola Andrea è il simbolo del rispetto, e la sua presenza all’interno di una unità operativa così significativa, è la testimonianza di come gli animali possano convivere nei luoghi di lavoro, trovare un loro habitat nella condivisione dei tempi e degli spazi umani. E non solo. E’ un messaggio di rispetto per la vita di tutti gli esseri senzienti. Un motivo in più per dire grazie ai carabinieri e al loro lavoro per la difesa dei diritti di tutti.

zampynews notizieoggi

Immagine tratta dal servizio di Repubblica

(Visited 60 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *