Spagna: legge su benessere animale, fuori dalle tutele i cani da caccia. E’ polemica

Il Congresso dei deputati spagnolo ha dato il via libera al progetto di legge sul benessere animale con 174 voti a favore, 167 contrari e 7 astensioni nonostante le aspre divergenze su alcuni punti del testo tra il Partito socialista operaio spagnolo (Psoe) e Unidas Podemos (Up). La formazione viola, infatti – la forza trainante del progetto di legge attraverso il ministero dei Diritti sociali – ha dovuto accettare di lasciare i cani da caccia fuori dalle protezioni previste dalla legge, dopo che il Psoe si è alleato con la destra su questo punto.

Il dibattito in aula è stata un continuo flusso di recriminazioni. Da un parte Up ha accusato i socialisti di aver fatto passare con la destra “l’emendamento della vergogna” che esclude i cani da caccia e altri animali che svolgono compiti specifici (pascolo, soccorso o compiti di sicurezza con le Forze armate) dalle tutele previste dalla legge. Per Unidas Podemos il Psoe avrebbe ceduto alla “lobby della caccia”.

Mentre il Partito popolare (Pp) e Vox hanno accusato il governo del fatto che, secondo la nuova legge, potrebbero essere puniti anche coloro che vogliono “sterminare i topi nelle loro case” e di aver elaborato una legge basata su criteri urbani che “ignorano il mondo reale”. “L’elaborazione di questa legge è stata enormemente difficile e abbiamo fatto il possibile con le forze che avevamo”, ha detto la leader di Up nel chiarire il voto a favore nonostante le divergenze.

Zampynews notizieoggi

(Visited 32 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *