Kopuk, il retriever che si ferisce ma continua a scavare tra le macerie in Turchia. Muore invece Proteo mentre è in azione

Kopuk, un retriever, è stato assegnato con la sua squadra di soccorritori a Malatya, città nella provincia di Kahramanmaras, duramente colpita dal sisma. Dal suo arrivo il cane si è messo subito al lavoro, conducendo i soccorsi dove fiutava ancora la vita. E’ rimasto ferito alle zampe, frugando tra le macerie, e gli sono stati messi diversi punti di sutura. Ma non si è fermato, contribuendo – riportano i media turchi – al salvataggio di almeno 5 persone. E’ morto invece ‘in azione’ Proteo, uno dei 16 cani da soccorso inviati in Turchia dal Messico: lo ha annunciato ieri il ministero della Difesa messicano, come riportano i media nazionali. Il ministero non ha reso noto le cause del decesso del cane. “Grazie Proteo per il tuo lavoro eroico, hai compiuto la missione dell’esercito messicano”, ha affermato il ministero della Difesa in un comunicato.

“I membri dell’Esercito e dell’Aeronautica messicani si rammaricano profondamente per la perdita del nostro grande compagno, il cane ‘Proteo’, hai compiuto la tua missione come membro della delegazione messicana nella ricerca e nel salvataggio dei nostri fratelli in Turchia”, prosegue la nota: “Siamo orgogliosi di te”.

Foto di Fabian Gieske

(Visited 52 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *