Miracolo a Riccione, studentessa recupera Bruce ed Hellas, due pastori tedeschi in A14

Bruce e Hellas sono i due pastori tedeschi, di cui si prende cura Roberta Olivieri, veterinaria di Cattolica, in provincia di Rimini, protagonisti di una fuga improvvisa che avrebbe potuto avere un epilogo tragico. Ma risoltasi invece nel migliore dei modi grazie al tempestivo e coraggioso intervento di Eleonora, studentessa riccionese in viaggio in auto sulla A14 verso Pesaro, dove studia. A riportare quanto successo con i racconti dei protagonisti è il Comune di Riccione. Ieri, Bruce e Hellas se ne stavano placidamente in giardino mentre alcuni operai stavano eseguendo lavori in casa. Uno di loro ha lasciato aperto il cancello, forse convinto, conoscendo i due cagnoloni, che non avrebbero mai varcato la soglia. Invece la femmina si butta a razzo fuori e il maschio, che è la sua ombra, subito dietro. L’operaio se ne accorge e tenta invano di fermarli.

Così informa la veterinaria precisando di averli visti vicino all’ingresso del casello dell’autostrada. La dottoressa chiama la Polizia, abbandona l’ambulatorio e, insieme al marito, parte alla ricerca disperata dei suoi animali. Inutilmente percorrono chi in un senso chi nell’altro l’autostrada, perchè Bruce e Hellas sono già in salvo. Intorno alle 11 i due cani entrano infatti in A14 e si dirigono in direzione Sud, verso Pesaro. Ed ecco che Eleonora li vede e decide di intervenire immediatamente. Accosta la sua Fiat Panda, scende, chiede e ottiene il soccorso di altri automobilisti per rallentare il traffico e apre lo sportello. I due cani, probabilmente abituati a viaggiare in auto, salgono immediatamente sui sedili e si mettono buoni buoni. 

La studentessa chiama il canile di Riccione per avvisare che sta arrivando e i due cani non mancano di ringraziarla leccandole le orecchie. Una volta raggiunto il canile, iniziano le operazioni per rintracciare i proprietari attraverso il microchip. Roberta subito si precipita, ringraziando e abbracciando una commossa Eleonora per il “miracolo”. “Vogliamo ringraziarla per la sua sensibilità e il suo altruismo nel compiere un gesto così importante”, commenta il presidente dell’associazione che gestisce il canile Massimiliano Lemmo Mentre la veterinaria si sdebiterà a modo con lei e si scusa con tutti i suoi pazienti lasciati in ambulatorio senza preavviso.

(Visited 48 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *