Elba, per l’emergenza veterinaria si fa avanti la motonave Lampomare

Non si può dimenticare il grave episodio che ha visto il cane Oscar morire sul traghetto verso l’isola d’Elba verso il continente dopo una notte di agonia per l’assenza di assistenza veterinaria.

Ora è stato creato un importantissimo servizio anche con partenza notturna grazie alla “bettolina” della motonave Lampomare.

Il consigliere comunale Luigi Lanera (Fratelli d’Italia) aveva stigmatizzato «l’assenza di prese di posizione da parte dei sindaci elbani in merito alla vicenda del cane Oscar e dopo le interrogazioni presentate in tempi non sospetti, rimaste lettera morta».

Ha fatto la differenza la richiesta del consigliere al presidente di Agn Energia, Umberto Risso e al responsabile della motonave Lampomare 3, fratello Mario Lanera. «La risposta è stata positiva – ha spiegato l’amministratore locale ai media elbani – e di questo ne sono orgoglioso – ha dichiarato dopo le verifiche –. Adesso insisterò per cercare di ottenere un piccolo terreno comunale destinato alla creazione di un prefabbricato in cui accogliere temporaneamente animali smarriti. Questa è un’opportunità per tutte le persone proprietari di animali che potrebbero avere bisogno di questo servizio in caso non si risolva la faccenda della reperibilità dei veterinari h24».

«Come mio fratello sono genitore di “figli pelosi” – ha detto Mario Lanera responsabile del mezzo navale alla stampa toscana –. La nostra è una motonave che può imbarcare anche un’auto. Sensibili al problema, abbiamo deciso di accettare la richiesta e dare la disponibilità, naturalmente dopo la partenza dell’ultima nave da Portoferraio, per i trasporti per casi urgenti di emergenza veterinaria. L’equipaggio è a disposizione, comprendiamo bene l’amarezza e la frustrazione della mamma di Oscar».

(Visited 21 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *