Sai cos’è la memoria di razza?

di Stefania Piazzo – Quando si parla di cani di razza chiediamoci cos’è la memoria di razza, per quanti millenni un cane è stato selezionato per fare un determinato “lavoro” accanto all’uomo. Il pastore maremmano difende il gregge dai lupi. Il border raduna le pecore. Il beagle è un cane da seguita, insegue gli odori testa a terra, i cani nordici sono nati per trainare slitte e difendere l’uomo dall’orso. I retriever riportano la preda. Siamo in grado di gestire le esigenze etologiche del cane di “razza” che portiamo a casa?

Per quanto “imperfetto”, conserverà per tutta la vita la necessità di incanalare la sua natura in attività che motivino la sua giornata, senza covare e accumulare ansia, frustrazione che poi sfociano in problemi comportamentali. Insomma, oltre alla povera eredità di competenze che ha ricevuto per colpa del crimine e dello sfruttamento umano, si troverebbe a doversi adattare alle esigenze di un proprietario privo a sua volta di consapevolezza e responsabilità.

E’ utile conoscere poi, se possibile, i suoi genitori. Le cosiddette “linee di sangue” ci diranno molto sulle sue attitudini, sulle sue esigenze. Non pensiamo che un cane piccolo abbia meno bisogno di uscite rispetto ad un cane di media e grande taglia. Tutti, ma proprio tutti, hanno le stesse identiche necessità. Uscite diverse volte al giorno, la loro qualità è molto importante. Il cane è un animale sociale e deve divere gli spazi esterni. Un giardino non è la sua casa. Se non esce, diventa la sua “prigione” dorata.

Conoscere l’origine del cane, in tutta onestà, non vale solo per i cani che arrivano dall’est. Le fasi sensibili di vita, quella neonatale, di transizione e di socializzazione sono le stesse sia che il cane sia di razza o che non lo sia, sia che arrivi da un negozio o dal disgraziato fenomeno del randagismo. Affidiamoci al medico veterinario, all’educatore, all’associazione di volontariato che ci possono guidare con competenza nel gestire serenamente quella relazione insostituibile e unica che ci dona un cane.

(Visited 35 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *