Il cav e i suoi cani. Il ricordo dell’on. Brambilla

Con la scomparsa di Silvio Berlusconi, accanto al cordoglio delle personalità della politica, c’è chi ricorda anche la sua passione per gli animali. Spesso e volentieri si faceva ritrarre in compagnia dei suoi cani, in giardino, a casa, sul divano. E’ sempre stato un messaggio di rispetto e di apprezzamento per la vita animale e per la relazione. Le reti Mediaset hanno sempre dedicato spazio e dato risalto a quanto ruota attorno al mondo del benessere animale.
ersona che ha caratterizzato la storia italiana sotto diversi aspetti: dall’imprenditoria al calcio, dalla politica alle questioni legali, dalla televisione agli scandali. E in questi tanti capitoli di un uomo così discusso uno sicuramente è quello dedicato agli animali: anche se sono comparsi spesso nei suoi programmi politici, in realtà senza poi ottenere mai risultati importanti, il suo personaggio mediatico ha spesso riservato molto spazio ai cani.

Di recente Berlusconi aveva diffuso la notizia dell’arrivo in famiglia di Drago e Lupo, due cani. In altre situazioni, con un post su Instagram veniva diffusa una foto in cui era ritratto su un divano con quattro cani sulle gambe e un altro vicino a lui. “Quanta gioia regalano i nostri amici a quattro zampe! Buona domenica a tutti!”, aveva scritto. Non c’era stato solo il famoso Dudù nella sua vita. L’onorevole Michela Brambilla, presidente Leidaa, lo ha ricordato così, rivelando un aspetto inedito: “Amava profondamente la vita e rispettava tutti gli esseri viventi, perché, oltre e al di sopra di ogni altra caratteristica, era un uomo buono. Citava con la frase di Totò: “Gli animali sono metà angeli e metà bambini”. E ne ha salvati tanti, di animali, non solo i cani per cui aveva una forte predilezione, ma di tutte le specie”.

(Visited 12 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *