“Il mare è la loro casa”, la Lav a tutela di granchi, meduse e abitanti dell’ambiente costiero

 “Il mare è la loro casa” è la campagna di sensibilizzazione organizzata da Lav con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica e con il logo del Ministero dell’Istruzione e del Merito e del Comando Generale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, che ha preso il via sulle coste italiane per sensibilizzare bambini e famiglie al rispetto degli animali del mare, come i granchi e le meduse, spesso vittime di palette e secchielli nei giochi dei bambini. Obiettivo anche quello di tutelare gli animali della spiaggia e della pineta, allargandosi a tutto l’ambiente costiero. In tutto saranno 21 le tappe de “Il mare è la loro casa”, che copriranno in totale 8 regioni italiane, passando anche da città simbolo del turismo come Tropea e Venezia. Nel Lazio l’appuntamento è a Ostia, sabato 24 giugno dalle 10.00 alle 18.00, presso il Lido di Ostia Ponente, vicino a Bahia Beach Roma con il patrocinio del Municipio X di Roma. E poi a Formia, venerdì 14 luglio dalle 10.00 alle 18.00, presso il Circolo Nautico Vela Viva. “L’idea di questa campagna nasce dall’osservare il danno spesso inconsapevole che i bambini procurano ogni tenuta agli animali acquatici durante le vacanze al mare – dichiara Giacomo Bottinelli, responsabile Ufficio A Scuola con Lav – catturandoli e manipolandoli, mettendoli nei secchielli e trattenendoli in condizioni che provocano la loro sofferenza, causandone anche la morte. Il nostro scopo è far riflettere, spiegando attraverso una modalità divertente e coinvolgente che granchi, molluschi, pesci, meduse, scarabei, insetti e tutti gli altri animali sono esseri viventi capaci di provare sensazioni e che il comportamento corretto da tenere nei loro confronti e osservarli senza toccarli o prelevarli dal loro ambiente”.

 I volontari Lav saranno presenti sulle spiagge in una serie di località balneari italiane con i loro stand e materiali informativi rivolti proprio a bambini e famiglie. Attraverso un QR-Code presente su questi stessi materiali si potrà accedere alla pagina web del progetto e scaricare un breve cartone animato dedicato ai piccoli tra i 6 e i 10 anni che mette in scena la cattura di un granchietto e la sua successiva liberazione: uno strumento digitale da usare direttamente sulla spiaggia o dove si preferisce per insegnare ai bambini il giusto approccio di rispetto verso gli animali. Proprio i bambini, in molti casi, diventeranno protagonisti, accompagnando i volontari Lav come diretti testimonianze del messaggio educativo verso i coetanei. “Spesso si potrebbe le spiagge come luoghi privi di vita, tanto da renderle teatri di concerti e grandi eventi. Se ci soffermiamo a guardarle possiamo scoprire invece quanti meravigliosi animali le popolano, fino ad approvare al mare. Questo, per noi, è il vero spettacolo da guardare e ammirare…e non toccare!”, conclude Bottinelli. 

foto Anna Tsukanova

(Visited 10 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *