Wwf: Sgominata dai carabinieri Cites una rete internazionale di trafficanti di uccelli selvatici

Il WWF Italia esprime grande soddisfazione per l’operazione condotta a Udine dall’Arma dei Carabinieri, in particolare dalla sezione  Operativa Antibracconaggio e Reati in Danno degli Animali del Raggruppamento Carabinieri CITES di Roma, insieme ai militari del Nucleo Carabinieri CITES di Perugia e al Centro Anticrimine Natura di Udine, contro una rete criminale che, dietro pagamento di ingenti somme di denaro, trasportava illegalmente dalla Polonia verso l’Italia uccelli selvatici appena nati, prelevati direttamente dai nidi e destinati ad alimentare il mercato della caccia con richiami vivi. Per il WWF si tratta di un importante risultato che dimostra le grandi capacità investigative della specialità forestale dell’Arma e il costante impegno nel contrasto ai crimini di natura. 

Questa operazione testimonia ancora una volta il legame esistente tra alcune pratiche ancora legali, come la caccia con richiami vivi, e fenomeni criminali con proiezione anche transnazionale che, a fronte di rilevanti profitti e nella consapevolezza dell’esiguità e inefficacia delle sanzioni, favoriscono la nascita di vere e proprie organizzazioni criminali di tipo imprenditoriale dedite alla distruzione dell’inestimabile patrimonio comune di biodiversità. Per il WWF non è ammissibile che questi enormi sforzi investigativi e operativi vengano sistematicamente vanificati dalla mancanza di strumenti normativi commisurati all’entità del danno commesso e dell’illecito profitto ottenuto ed è assurdo che le istituzioni politiche tendano ancora a concedere deroghe e rendere i controlli sempre più difficili.

 Alcune specie di uccelli, in particolare i turdidi (come il tordo bottaccio, il tordo sassello e la cesena), sono infatti molto richieste dai cacciatori, disposti a pagare centinaia di euro per ogni esemplare. Gli “uccelli da richiamo” sono destinati a trascorrere tutta la vita in gabbie minuscole e stimolati, con varie tecniche, anche molto invasive, a cantare per attrarre i loro simili verso i cacciatori. La caccia con richiami vivi è ancora legale in Italia ma solo se gli uccelli provengono da allevamenti autorizzati e sono muniti di un apposito anello identificativo, essendo vietata la cattura di Animali allo stato selvatico. A causa dell’elevata richiesta di “uccelli da richiamo” alcuni allevatori acquisiscono ogni anno numerosi esemplari dal mercato illegale che vengono muniti di anelli contraffatti. Il WWF Italia continuerà a sostenere le autorità pubbliche, in primis le forze di polizia e la Magistratura, nelle attività di contrasto alle illegalità contro la natura, anche attraverso il progetto europeo Life SWiPE, e si costituirà parte civile nel futuro processo.

(Visited 10 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *