Pastori maremmani abruzzesi, la difesa naturale per tenere a distanza di sicurezza i lupi

La cronaca ci parla di avvistamenti e di una presenza significativa di lupi nei territori dove prima questo predatore era scomparso. L’agricoltura e gli allevamenti si sono sviluppati di conseguenza ma ora che la natura sta rioccupando spazi che le erano propri, la convivenza diventa difficile. Cosa si faceva un tempo per avere difese naturali verso questo importante mammifero? È la storia della cinofilia e delle razze che ci viene in soccorso quando si tratta di utilizzare un cane specializzato nei secoli per lavorare accanto all’uomo. È il caso del pastore maremmano abruzzese, nato per fare il guardiano delle greggi, per difendere i territori, per vigilare i pascoli.

Il ritorno del lupo nei nostri territori lo può e deve vedere nuovamente protagonista della difesa e della prevenzione rispetto a questi predatori che dominano la catena alimentare in natura.

L’esperienza arriva dal Parco nazionale dei Monti Sibillini, già da diversi anni, grazie al progetto della professoressa Alessandra Roncarati, della Scuola di Bioscienze e Medicina Veterinaria di Unicam.

Lo studio con l’immissione dei maremmani ha avuto come teatro il Monte Cardosa nel comune di Visso applicando il metodo PAN (Predatori Allevatori Natura) messo a punto dal professor Giampaolo Pennacchioni del Centro Studi per l’Ecologia e la Biodiversità degli Appennini (Cseba) in collaborazione con il dottor Andrea Gallizia del Project Wolf Ethology.

I cani inseriti provengono da un allevamento di fiducia dello Cseba, situato in provincia dell’Aquila.

Chi amministra e governa parchi e territori dovrebbe destinare risorse per la prevenzione dei danni da fauna, dare sostegno alle attività sostenibili che sono fondamentali per favorire la tutela degli agroecosistemi e, quindi, la diversità biologica e la conservazione degli habitat.

(Visited 25 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *