Ordinanza sui palii, una proroga di soli 4 mesi, poi il decreto. Ci sarà più tutela per gli equidi o le corse “popolari” continueranno così?

Le manifestazioni popolari equestri saranno disciplinate con ordinanza ministeriale per soli 4 mesi. Una proroga “funzionale” alla stesura di un decreto interministeriale ad hoc. Sarà predisposto dal Ministero della Salute di concerto con il Ministero delle Politiche Agricole entro l’anno. Detterà le regole e le sanzioni, come previsto dalla nuova normativa sugli sport equestri.

Il Sottosegretario di Stato alla Salute Marcello Gemmato ha firmato una proroga ridotta dell’ordinanza ministeriale che disciplina le manifestazioni popolari con equidi. Non più dodici, ma quattro mesi soltanto, a decorrere dal 1 settembre 2023. La materia è infatti soggetta a rivisitazione, in conseguenza della nuova normativa sugli sport equestri, in vigore dal 1 luglio scorso.  La proroga è quindi “strettamente funzionale” ai tempi di emanazione di un nuovo decreto interministeriale, in lavorazione al Ministero della Salute di concerto con il Ministero delle Politiche Agricole.

Effetti dell’ordinanza– La consueta ordinanza ministeriale non decade per evitare un vuoto legislativo, avendo concorso ad una “sensibile riduzione del numero di incidenti durante le manifestazioni”, nonostante il verificarsi di incidenti dovuti anche al mancato recepimento- in alcune regioni- dell’Accordo Stato Regioni del 2003 sul benessere animale. L’atto di proroga registra infatti il ripetersi, nelle manifestazioni non regolamentate, di incidenti che mettono a repentaglio la salute e l’integrita’ fisica degli animali nonche’ l’incolumita’ dei fantini e degli spettatori presenti.

Verso un nuovo decreto Salute-Agricoltura– Si tratta di misure di carattere generale che attendono di essere rafforzate da un apposito decreto interministeriale Salute-Agricoltura. Il decreto legislativo n. 36 del 2021 stabilisce che le manifestazioni pubbliche o aperte al pubblico con impiego di equidi che si svolgono al di fuori degli impianti o dei percorsi autorizzati dal Masaf o dalla Federazione italiana sport equestri o dalla Fitetrec-Ante o da un ente di promozione sportiva, devono comunque garantire i requisiti di sicurezza, salute e benessere degli atleti, dei cavalli atleti e del pubblico.  I requisiti dovranno essere stabiliti con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri- o dall’Autorita’ politica da esso delegata in materia di sport-  adottato su proposta del Ministro della salute. In questo decreto troveranno posto anche “sanzioni efficaci, dissuasive e proporzionate in caso di trasgressione”.

La proroga dell’ordinanza ministeriale permette anche di proseguire il censimento nazionale delle manifestazioni popolari, al fine di implementare lo studio della valutazione dei rischi relativi alla salute e l’integrita’ fisica degli animali impiegati.

ORDINANZA 22 agosto 2023
Proroga dell’ordinanza contingibile e urgente 21 luglio 2011 e successive modificazioni, in materia di disciplina delle manifestazioni popolari, pubbliche o private, nella quali vengono impiegati equidi al di fuori degli impianti e dei percorsi ufficialmente autorizzati. (Fonte Anmvi)

(Visited 9 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *