Addio in futuro ai cani antidroga?

Sta facendo scalpore la notizia di un dispositivo tascabile sviluppato dall’Università di Bath in UK che potrebbe in futuro sostituire, così pare, i cani antidroga. L’apparato rivelerebbe con una precisione del 95% droghe leggere, sintetiche pesanti. Le dimensioni dello strumento sono più o meno come quelle di un telefono cellulare, quindi di facile e immediato uso.

La tecnologia può sicuramente mettere in campo dispositivi che rilevano le molecole dei cannabinoidi, e potrebbe nel lungo tempo sostituire o integrare la presenza dei cani il cui olfatto è, ricordiamolo, è 100mila volte più potente di quello dell’uomo. Di certo la scienza aiuta, ma saprà sostituirsi in tutto e per tutto ad un binomio, quello conduttore-cane, che si basa sulla relazione, sull’intuito, sul lavoro, sulla fiducia e la totale condivisione di una vita? La scienza può riprodurre in un circuito elettronico l’intelligenza del cane?

credit foto orlando-tapia-nR-5iAd5eJU-unsplash

(Visited 9 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *