Strage di gatti a Cipro. 300mila decessi per coronavirus felino?

 Individuato il possibile responsabile delle morti di gatti nell’isola di Cipro: un nuovo ceppo di coronavirus felino che ha incorporato la sequenza chiave di Rna da un patogeno canino altamente virulento chiamato coronavirus canino pantropico (pCCoV). I risultati, pubblicati come preprint la scorsa settimana su bioRxiv, potrebbero aiutare a spiegare come una grave malattia sia riuscita a diffondersi così’ ampiamente tra i gatti dell’isola. Quando migliaia di gatti hanno iniziato a morire quest’anno nell’isola mediterranea di Cipro, soprannominata “isola dei gatti ” per la sua popolazione felina di un milione di esemplari, la crisi ha fatto notizia a livello internazionale. Gli animali avevano febbre, ventri gonfi e letargia, sintomi che indicavano la peritonite infettiva felina (Fip), una condizione comune causata da un tipo di coronavirus felino. Tuttavia, gli scienziati hanno faticato a spiegare l’apparente esplosione dei casi. Ora, i ricercatori “hanno fatto un ottimo lavoro nell’identificare cio’ che sembra essere un virus molto interessante e preoccupante”, afferma Gary Whittaker, virologo presso la Cornell University College of Veterinary Medicine, non coinvolto nella ricerca. Sebbene siano stati segnalati incroci tra coronavirus canini e felini in passato, si afferma che questo e’ il primo caso documentato di un coronavirus felino che si combina con pCCoV, portando apparentemente a una “tempesta perfetta di malattia e trasmissibilita’”. I veterinari a Cipro hanno lanciato l’allarme all’inizio di quest’anno riguardo all’aumento dei casi di FIP, che non e’ correlato al COVID-19 e non colpisce gli esseri umani. Entro luglio, attivisti animalisti e mezzi di informazione avevano segnalato quasi 300.000 decessi, sebbene i veterinari locali abbiano successivamente revisionato drasticamente quel numero, riducendolo a circa 8.000. Ad agosto, il governo cipriota ha acconsentito all’uso veterinario del farmaco umano SARS-CoV-2 molnupiravir, che blocca la replicazione del coronavirus e sembra essere un trattamento efficace per la Fip. 

La maggior parte dei coronavirus felini infetta l’intestino, dove causano infezioni lievi che non sfociano in Fip. Questi ceppi sono facilmente trasmessi da un gatto all’altro attraverso le feci. A volte mutano in una forma più pericolosa chiamata virus FIP (FIPV), che invece infetta le cellule immunitarie e provoca malattie gravi. Ma a differenza dei ceppi intestinali, il FIPV di solito non viene trasmesso tra gli animali. Per capire cosa stava causando le nuove infezioni, i ricercatori dell’Universita’ di Edimburgo hanno raccolto campioni di fluido dagli addomi e dalle colonne vertebrali dei gatti malati ammessi nelle cliniche di Cipro e hanno utilizzato il sequenziamento dell’RNA per cercare informazioni genetiche virali. Quello che hanno trovato era un coronavirus felino precedentemente non descritto, che hanno chiamato FCoV-23, che contiene una grande porzione di Rna dal virus canino pCCoV. (Il “pantropic” nel suo nome significa che, a differenza dei regolari coronavirus intestinali canini, pCCoV infetta molti tessuti diversi.). FCoV-23 sembra essere emerso quando un coronavirus felino ha incontrato PCoV in un animale ospite non identificato e ha incorporato la proteina spike di quest’ultimo, struttura che i coronavirus usano per accedere alle cellule ospiti, spiega Christine Tait-Burkard, coautrice dello studio e virologa presso il Roslin Institute dell’Universita’ di Edimburgo. Questi e altri adattamenti genetici potrebbero aver permesso al FCoV-23 di causare una grave FIP pur continuando a infettare l’intestino e diffondersi attraverso le feci, afferma. Il team ipotizza anche che i cambiamenti nel picco proteico potrebbero rendere FCoV-23 più stabile al di fuori di un animale ospite, aumentando la possibilità di trasmissione attraverso il contatto con feci contaminate. Non è ancora chiaro quanto si sia diffuso FCoV-23, sebbene il team abbia identificato un caso nel Regno Unito in un gatto importato da Cipro. Il rischio generale per i gatti al di fuori dell’isola rimane basso, dice Tait-Burkard. Margaret Hosie, virologa presso l’Università di Glasgow e presidente dell’European Advisory Board on Cat Diseases, afferma che e’ entusiasmante vedere dati virologici emergere dalla popolazione cipriota. Tuttavia, si avverte che ci sono molte domande aperte su come FCoV-23 si diffonda e causa la malattia. Ad esempio, saranno necessari piu’ dati epidemiologici per essere certi che il virus si trasmetta direttamente da gatto a gatto attraverso le feci. L’incremento evidente dei casi di FIP quest’anno potrebbe essere in parte il risultato di una maggiore consapevolezza della condizione, nota. “Non conosciamo i numeri precedenti, quindi non possiamo dire che ci sia stata un’ampia epidemia.” I coronavirus felini e pCCoV hanno coesistito nella regione mediterranea per anni, aggiunge, quindi e’ possibile che l’incrocio genetico sia avvenuto tempo fa. Tait-Burkard ei colleghi stanno ora collaborando con i ricercatori a Cipro per testare i gatti locali per FCoV-23 e avere una migliore idea della sua prevalenza e tasso di mortalita’. Loro e altri stanno lavorando anche per migliorare gli strumenti diagnostici per il virus e stanno pianificando studi di laboratorio per esaminare come infetta diversi tipi di cellule. Il team vuole inoltre indagare se le caratteristiche uniche di FCoV-23 possono spiegare l’apparentemente alto tasso di sintomi neurologici nella malattia risultante, presenti nel 28% dei casi rispetto al 14% della Fip tipica.

(Visited 13 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *