Cimurro nelle volpi in Val d’Aosta. Pet a rischio, vaccino come prevenzione negli animali domestici

In vari comuni della Valle d’Aosta sono stati diagnosticati nelle settimane scorse, da parte dell’Istituto zooprofilattico sperimentale Piemonte-Liguria e Valle d’Aosta (sezione di Aosta) “diversi casi di cimurro o malattia di Carré, con isolamento del virus, in volpi in parte rinvenute morte e in parte soppresse in quanto defedate e con sintomi clinici della malattia. Tutti i soggetti sono risultati esenti da rabbia silvestre”. Lo comunica l’assessorato della Sanità, salute e politiche sociali. La diagnosi dimostra che la malattia è presente sul territorio regionale sin dall’inizio dell’autunno, ma la sua estensione è ancora in via di definizione, in quanto sono ancora in corso degli esami così come l’indagine epidemiologica. “E’ importante ricordare che – comunica l’assessorato – il cimurro è una malattia che non colpisce l’uomo, ma i carnivori selvatici e domestici, e in essi si diffonde per contatto diretto o attraverso le escrezioni urinarie e fecali o le ciotole e il cibo di cani infetti”. Il cimurro colpisce prevalentemente i cani in giovane età e “si manifesta con problemi al sistema nervoso (con possibilità di paresi) oppure con complicazioni respiratorie. E’ anche possibile che il cane infettato dal virus non riesca più a fare rientro presso la propria abitazione. E’ una malattia che non va sottovalutata e che può portare a conseguenze gravissime se contratta dall’animale domestico”. L’unico modo per evitare al cane questa patologia “è la vaccinazione preventiva. Per questa ragione, si consiglia a tutti i proprietari di cani di controllare lo stato vaccinale del proprio animale e provvedere eventualmente alla vaccinazione, a discrezione del medico veterinario curante, in modo da escludere la possibilità di contagio”. 

(Visited 17 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *