Le piante velenose per il nostro Micio

La curiosità a volte può far male. Il gatto lo è per eccellenza, per la sua natura di predatore, di indagatore, di instancabile avventuriero che cerca nuove avventure. Ma ci sono “esplorazioni” da evitare. Sia per le piante che dobbiamo tenere lontane da lui o, meglio ancora, da evitare, sia per alcuni alimenti molto pericolosi per la sua salute.

Le piante dannose sono la calla, l’edera comune, l’aloe, il ficus, la stella di Natale, la dieffenbachia, lo spatifillo. Sia che si tratti di bacche o foglie, o fiori, il danno che possono procurare è grave.

Per il piacere del nostro amico gatto abbiamo un ampio spettro di scelta. Si va dalla classica erba gatta ad altre piante che, nel caso interessanti per Micio, non provocano effetti collaterali: prezzomolo, valeriana, timo, calendula, tarassaco, citronella, camomilla, echinacea, Unghia di gatto o Uncaria tormentosa….

Ma non per questo dobbiamo rinunciare ad abbellire casa con la gentilezza delle piante. Quelle ammesse e che non recano danno sono la famiglia delle Bromeliacee, la Violetta africana, il Falangio (o Nastrino), la Felce di Boston e il Phlebodium aureum, la Fittonia, Pilea Involucrata., la Maranta leuconeura, le Orchidee, la Pachira Aquatica o la Peperomia, nella famiglia delle palme ad esempio la Areca, la Palma Giapponese, la Pianta mangiafumo, la Violetta africana, le Calathee.

Foto di Nadi Whatisdelirium 

(Visited 13 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *