Perché il cioccolato fa male ai cani?

Tutti sappiamo che il cioccolato non va dato ai cani, ma perché?
Il cioccolato contiene una sostanza dannosa anche per noi, la teobromina.
La teobromina va a influenzare il funzionamento sonno-veglia dei recettori del cervello aumentando i battiti cardiaci e l’apporto dell’ossigeno al cervello stesso.
Ad alti dosaggi anche per noi la teobromina è dannosa, ma a nostra differenza i cani hanno una metabolizzazione di questa sostanza molto lenta, questo rende anche una minima dose letale per i nostri amici a quattro zampe.
Ad influenzare la conseguenza dei danni della teobromina sono due fattori, la dimensione del cane e il tipo di cioccolato assunto.
Cani di grande taglia avranno una tollerabilità leggermente più alta rispetto ai cani di piccola taglia e più è concentrata la percentuale di cacao più̀ è alta la percentuale di teobromina al suo interno.
È bene ricordare che se il vostro cane assume del cioccolato bisogna chiamare il veterinario e indicargli anche più̀ o meno la quantità̀, il peso del cane e il tipo di cioccolato assunto. L’insorgenza dell’intossicazione può̀ avvenire fino a 12 ore dopo l’assunzione, bisogna stare attenti a questi sintomi:

  • Iperattività
  • Diarrea
  • Tremori muscolari
  • Innalzamento della T° corporea
  • Respirazione accelerata
  • Tachicardia
  • Infarto

Per questo motivo è bene che non diate al cane mai il cioccolato, mettendoci così tanto tempo a metabolizzarlo tra un “bon bon” e l’altro potrebbe non averlo smaltito del tutto e andare a provocare un accumulo tossico e letale.
Anche per i gatti la teobromina è tossica, per lo stesso motivo, ma a differenza dei cani i gatti non percepiscono il gusto del dolce per cui sono meno invogliati a mangiarlo.
In quanto loro compagni siamo noi responsabili della loro salute.

(Visited 29 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *