Perché il mio cane non vuole rimanere solo in casa?

Allontanarsi dal proprio cane non è mai una cosa semplice. Ciò che sta alla base di questo rifiuto di rimanere soli in casa deriva dal fatto che il nostro cane non abbia mai imparato a gestire in modo corretto il distacco dai propri padroni, sviluppando di conseguenza sentimenti come: noia, disagio e ansia. Si può parlare anche di “ansia da separazione”.

 Un modo per controllare questo disagio è quello di abituare il cane ad essere indipendente. L’aspetto più importante è far capire all’animale che l’allontanamento del padrone è un’attività del tutto normale. Inoltre, in molti casi questo disturbo è dovuto da un’eccessiva affezione al proprio padrone.

Nel momento in cui il cane si trova a vivere questa situazione possono manifestarsi diversi comportamenti come:

  • abbaio continuo,
  • tremolio,
  • comportamenti distruttivi.

Consigli

Di seguito riportiamo tre esercizi che possono aiutare il tuo pet a controllare il suo stato di ansia:

1- lasciare il cane da solo in una stanza con almeno un giocattolo per distrarlo e magari lasciare anche la televisione accesa;

 2- andarsene per almeno 5 minuti nonostante possa abbaiare ininterrottamente (man mano si può prolungare il tempo di allontanamento) per poi tornare e calmarlo;

3- per tranquillizzare ulteriormente, possiamo dare un premietto al nostro cane come segno di ricompensa, ma attenzione,quando torniamo da lui occorre evitare di mostrare troppo affetto, coccole, quindi è preferibile esibire un atteggiamento lievemente distaccato.

Di Vanessa Bucaria

(Visited 94 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *